HOME BACKGROUND NEWS UV-C: ASHRAE aggiorna le linee guida

 



 

Articolo pubblicato il 05 maggio 2021

UV-C: ASHRAE aggiorna le linee guida per l'utilizzo della radiazione ultravioletta per la sanificazione di aria e superfici 

L'American Society of Heating, Refrigerating and Air-Conditioning Engineers (ASHRAE), ha annunciato l'intenzione di aggiornare alcuni capitoli del manuale ASHRAE sugli UV-C. Durante la pandemia COVID-19, ci sono state molte domande sull'uso corretto dell'energia germicida della luce ultravioletta (UV-C) per l'inattivazione dei patogeni sulle superfici e in aria.

Il comitato tecnico di ASHRAE, 2.9, trattamento dell'aria e delle superfici con radiazioni ultraviolette, si è riunito regolarmente per aggiornare le informazioni tecniche, ha affermato Dean Saputa, membro associato ASHRAE, presidente del sottocomitato del manuale del TC 2.9. Gli aggiornamenti verranno inseriti nel Manuale.

Il comitato sta lavorando ai seguenti aggiornamenti:
  • Biosicurezza ed uso consapevole di diverse tecnologie UV utilizzando i dati della Task Force epidemica di ASHRAE
  • L'uso di UV-C per la decontaminazione delle superfici, compresi i dispositivi UV-C mobili roll-in-the-room comprese le sorgenti di xeno pulsato
  • Redazione di una tabella con i dati dell’energia UV-C necessaria all’inattivazione dal 90 al 99 % di diversi microbi e virus
  • Dispositivi che utilizzano luci UV-C per purificatori d'aria
  • Dati sugli apparecchi UV germicidi ad aria superiore comprese le informazioni sulla sicurezza, la messa in servizio e il dosaggio
  • Nuove tecnologie UV che producono output a 222 nm (chiamato anche lontano UV)
  • Tecnologie che utilizzano lunghezze d'onda di 405 nm per la disinfezione batterica

Per ulteriori informazioni, visitare https://www.ashrae.org.

Anche UV-Solutions propone kit per la sanificazione dell'aria con tecnologia UV da applicare in diversi contesti e settori: edifici aperti al pubblico sia pubblici che privati (uffici, scuole, teatri, ospedali, cinema centri commerciali, etc.), in tutto il settore sanitario nell'industria agro-alimentare e negli allevamenti zootecnici.